Exemple

ANSA – 21/05/2020 – https://bit.ly/2ZKdKFs
CORRIERE DELL’ECONOMIA – 21/05/2020 – https://bit.ly/2XryqPY

Investire nei nuovi mercati non è solo sinonimo di crescita, ma anche di creazione di nuove opportunità, di sviluppo di professionalità, know-how e imprenditoria al servizio di qualità e prodotti innovativi. Per entrare in un mercato che sta diventando sempre più influente, e quindi strategico, lo strumento fondamentale è la certificazione Halal. World Halal Authority è l’organo internazionale di certificazione, con sede in Italia e in altri paesi, che assicura garanzia di qualità e di conformità agli standard internazionali del sistema Halal Globale.

Mai come in questo periodo storico, in cui il mondo economico è sempre più globalizzato e interconnesso, per un’azienda è di vitale importanza entrare in contatto con nuovi mercati esteri ed essere competitiva annullando i gap esistenti per incrementare le esportazioni. Tra tutti, il mercato Halal è quello che sta registrando negli ultimi anni la crescita più rapida, sia in termini di volume di vendite sia per il ventaglio di prodotti offerti. Secondo le ricerche economiche riferite dal rapporto “states of the Global Islamic Economy Report” nel mondo i musulmani hanno speso 1.3 trilioni di dollari nel settore food & beverage Halal; a ciò si aggiungono le previsioni al 2023 che vedono il raggiungimento di una spesa di oltre 1.8 trilioni di dollari. In Italia è prevista una crescita media del 19%, trattandosi quindi di un business che toccherà i 5 miliardi di dollari.

Che si voglia promuovere il proprio business o che semplicemente si riscuota l’interesse da parte di investitori di Paesi stranieri, oggi non è consentito farsi trovare impreparati e quindi non essere adeguatamente certificati Halal. Ecco perché affidarsi ad un ente certificatore accreditato a livello internazionale garantisce il raggiungimento di tale obiettivo evitando di prolungare, se non bloccare, l’intero processo di esportazione e di penetrazione in nuovi mercati.  Ciò assume una capitale importanza perché l’assenza delle giuste conoscenze e competenze potrebbe vanificare l’investimento. Questo soprattutto quando si entra in commercio con un paese islamico e non, è necessario rispettare scrupolosamente determinati criteri che devono essere verificati e validati tramite una certificazione.

Da anni WHA è leader nel campo delle certificazioni, grazie a uno staff di comprovata efficienza e lunga esperienza, con una capillare conoscenza della politica, dell’etica e delle leggi in vigore nei Paesi di destinazione, World Halal Authority (WHA) è l’ente di certificazione Halal più accreditato al mondo e permette alle aziende di esportare i propri prodotti in mercati che possiedono alti standard di qualità e dove vigono regolamentazioni particolari. Fungendo da tramite per facilitare gli scambi tra Paesi, WHA certifica che tutti i sistemi, i processi industriali, i servizi e i prodotti delle filiere agroalimentari, dei prodotti chimici e farmaceutici, dei cosmetici, dei servizi dei settori finanziario e assicurativo, siano conformi ai requisiti di qualità richiesti e fissati dalle norme e dagli standard Halal internazionali racchiusi negli schemi di certificazione Halal di proprietà della WHA stessa.

La certificazione di WHA è quindi uno strumento valido e necessario per il business delle aziende e la tutela dei consumatori Halal garantendo che il prodotto “Made in Italy” possa arrivare ai consumatori mantenendo tutte le peculiarità che lo contraddistinguono, garantendo loro la massima qualità in termini di conformità Halal, sicurezza alimentare, igiene dei prodotti, satus di salubrità, totale tracciabilità e trasparenza.; elementi preziosi di fondamentale importanza che rendono la certificazione Halal di WHA un marchio sinonimo di globale eccellenza di qualità che preserva la salute dell’essere umano indipendentemente dalle proprie credenze religiose.

World Halal Authority rappresentata dal Dott. Mohamed Elkafrawy, ideatore del mercato di certificazioni Halal regolamentato ed autentico in Italia e fondatore del primo ente di certificazione Halal riconosciuto a livello mondiale, nonché uno dei massimi esperti di certificazioni e mercati Halal in Europa e nel Medio Oriente, WHA vanta prestigiose collaborazioni internazionali e garantisce l’emissione di un certificato riconosciuto in tutti i Paesi islamici e non, tra cui Indonesia, Malesia, Singapore, Thailandia, Brunei, Paesi del Golfo arabico, Turchia, Libia, Marocco, Tunisia, Iraq, Egitto, Algeria, Pakistan, Sudafrica, Stati Uniti, Cina, Russia e molti altri. Essere in possesso di una certificazione Halal erogata da un ente internazionale come WHA, dunque, non solo è necessario, ma è un plus che permette di acquisire nuovi clienti e attivare proficui scambi commerciali per l’azienda che vi si affida.

Per maggiori informazioni contattaci o invia una mail a info@wha-halal.org

Continue Reading
Exemple

L’economie islamiche degli UAE, secondo l’indicatore di economia islamica globale, offre un volume di opportunità di oltre 20 miliardi di euro l’anno. I paesi islamici hanno un movimento commerciale molto attivo legato principalmente allo stile di vita.

Proprio per questo motivo l’ESMA è riuscita ad emettere il primo sistema integrate che include gli standard dei prodotti alimentare, della sicurezza e le conformità alle condizioni specifiche halal ed il loro metodo di esame.

L’ESMA, autorità di standardizzazione halal per gli UAE,  ha partecipato alla 25esima edizione di GulFood organizzando presso il Dubai World Trade Center il quinto appuntamento mondiale dell’industria halal, il direttore generale Dr. Abdullah Al-Maeeni, in una nota, ha affermato che gli Emirati Arabi Uniti hanno raggiunto il primo posto su cinque settori su sette che compongono l’economia islamica.

 

L’ESMA, durante il GulFood ha presentato gli standard e le normative tecniche degli Emirati relativi al settore alimentare e delle bevande, incluso l’Emirates System for Honey Bees, che vedrà l’implementazione obbligatoria all’inizio di aprile. Questo sistema permette a tutti i membri dell’organizzazione della cooperazione islamica di garantire un’ottima applicazione aumentando il grado di fiducia nei certificati emessi.

A questo proposito anche quest’anno WHA – World Halal Authority, ha ricevuto il rinnovo del riconoscimento dell’ESMA confermando il continuo successo e la costante fiducia che l’autorità pone nei confronti di WHA che è stata ospite durante il quinto appuntamento mondiale al quale hanno partecipato centinaia di funzionari, esperti e decisori con una presenza globale ad ampio raggio.

Continue Reading
Exemple

WHA – World Halal Authority è l’unico ente di certificazione Halal, leader a livello internazionale con sede in Italia e con il più alto numero di accreditamenti e riconoscimenti al mondo, di cui alcuni esclusivi, che può garantire la validità del certificato a livello mondiale.

Una rilevante opportunità per gli operatori di settore di affacciarsi al mercato MENA (Middle East and North Africa), per il quale uno dei requisiti essenziali è disporre della certificazione Halal. Anche quest’anno WHA – World Halal Authority sarà presente alla 25° edizione di GulFood, l’evento più importante a livello mondiale per il settore food & beverage.

GulFood, presso il Dubai World Trade Center, apre le porte a 193 Paesi in rappresentanza di tutti i continenti, con un’affluenza di visitatori previsti pari a 90mila al giorno.

Per il 25° anniversario sono previsti ospiti d’eccellenza come chef di fama mondiale, funzionari governativi e leader di settore, rappresentando il valore del Made in Italy nel mercato Halal.

Un appuntamento quello del GulFood utile ad approfondire con le aziende i valori etici e di qualità che il mercato halal rappresenta per i consumatori.

Continue Reading
Exemple

Facciamo chiarezza: che cosa è l’accreditamento?

L’accreditamento è il provvedimento con il quale un Ente di un Paese (o di un gruppo di Paesi) riconosce ed accetta ufficialmente un Ente di Certificazione come valido ai fini dell’applicazione dei suoi standard. Con questo quindi, ogni Paese, ha la garanzia ufficiale che i prodotti certificati Halal dall’Ente accreditato siano effettivamente conformi alle proprie norme.

Detto ciò, è importante specificare che ogni Paese ha le proprie regole e i propri modelli, e pertanto il proprio accreditamento.

Il rischio più grande che si presenta nello scegliere quindi un Ente di Certificazione che non sia in possesso dell’accreditamento per il Paese verso il quale l’azienda italiana desidera esportare, è quello di ritrovarsi il proprio prodotto non accettato alla dogana, e quindi bloccato in attesa di certificazione accreditata, o addirittura rispedito al mittente, costringendo l’impresa quindi ad una perdita sicura di tempo e denaro, nonché di clienti e rapporti lavorativi.

In alternativa, la merce potrebbe anche passare alla dogana, ma come non-Halal, perdendo quindi lo status per il quale si è fatto un investimento e creando un grosso danno alla ditta, in quanto un prodotto non-Halal in un Paese a maggioranza islamica non otterrebbe il successo desiderato.

Altri rischi a cui può incorrere un’azienda certificata da un ente non accreditato è quella di incorrere in ulteriori controlli sul prodotto, da parte sia dello Stato, che del Cliente, che potrebbero eventualmente richiedere documentazione aggiuntiva sullo status del prodotto.

Verifica sempre opportunamente queste informazioni ed avrai la garanzia di un’idonea certificazione Halal.

 

Continue Reading
Exemple

Un futuro sempre in crescita è quello che si prospetta per l’export italiano nei prossimi anni, ed in particolare, vista l’importanza di determinati mercati, quali per esempio il Medio-Oriente e l’Asia, è un dato di fatto la crescita esponenziale che presenta l’export italiano per l’Halal.

Sono migliaia le aziende italiane che decidono infatti di certificarsi Halal per trovare spazio all’interno di questa tipologia di export che si dimostra essere un trampolino di lancio per tantissime nuove aziende o, per quelle storiche, motivo di incremento anche esponenziale dei fatturati annui.

Di vitale importanza diventa dunque essere in possesso di una certificazione che attesti che i prodotti rispettino le regole islamiche Halal al fine di soddisfare i propri clienti nei Paesi Esteri che apprezzano il made in Italy, cosi come i rispettivi consumatori.

Dei benefici che è possibile trarre dall’ottenimento della certificazione Halal potremmo a lungo parlarne e sono abbastanza chiari ed evidenti, ma la domanda da porsi è la seguente: chi certifica ‘’Halal’’ un prodotto? Quali sono i rischi di una scelta scorretta dell’Ente di Certificazione?

Sul suolo italiano esistono infatti diversi enti di Certificazione Halal che offrono servizi differenti a seconda degli accreditamenti e riconoscimenti in loro possesso, ed è proprio qui che bisogna porre l’attenzione.

Moltissime sono le ditte italiane che si rivolgono ad Enti di certificazione che non possiedono, o peggio ancora, non specificano di quali accreditamenti sono (o non sono!) in possesso.

Continue Reading
Exemple

WHA è l’unico membro italiano del World Halal Food Council (WHFC)  formata da Enti di Certificazione Halal di circa 60 Paesi diversi.

Lo scopo è quello di contribuire all’ omogeneità della certificazione Halal per Alimenti, Farmaci e Cosmetici nella piattaforma internazionale.

WHA è  membro della piattaforma internazionale HALAL VERIFIED che consente ai consumatori di consultare una lista di prodotti Halal certificati e questo significa garanzia di acquisti consapevoli quando si acquistano prodotti Halal o quando si è alla ricerca di servizi Halal.

WHA ritiene che il modo migliore per costruire un sistema Halal ottimizzato per le aziende che desiderano certificarsi/accreditarsi nei diversi settori, richieda un buon Halal Advisory e continuo follow-u. Ciò prevede l’illustrazione di standard e di schemi internazionali per fornire all’azienda il concetto di Halal e di certificazione Halal con una visione più specifica relativa agli standard Halal da implementare nella propria azienda.

WHA, con tutto questo bagaglio di vantaggi, garantisce un iter completo e chiaro da percorrere per chi desidera intraprendere un percorso che porti alla certificazione Halal.

WHA desidera mostrare non solo la profonda storia italiana ed europea nel settore alimentare e nei diversi settori per i migliori prodotti Halal certificati, ma essere anche al fianco delle aziende nel processo di globalizzazione dei prodotti Halal.

Continue Reading
Exemple

World Halal Authority (WHA) è uno degli enti di certificazione Halal più affidabili in tutto il mondo.

Questo grazie all’esperienza acquisita con il costante lavoro svolto in questi anni a stretto contatto con la realtà delle aziende italiane e internazionali nonchè grazie al lavoro svolto dai tecnici della World Halal Authority (WHA) al fine di garantire qualità e conformità agli standard internazionali al sistema Halal Globale.

WHA è tra gli enti di certificazione Halal italiani, l’unico in Italia e uno dei pochi in tutto il mondo, con il più alto numero di accreditamenti internazionali.

Tra i tanti annoveriamo Ulama (MUI , Indonesia), (GAC, sei Membri del Concilio di Cooperazione degli Stati Arabi del Golfo), (JAKIM, Malesia), (MUIS, Singapore), ( ESMA – EMIRATI ARABI) (EMFDS, il Ministero della Salute e della Sicurezza Alimentare della Corea del Sud) e il Ministero del Commercio e dell’Industria Tessile del Pakistan.

Inoltre, grazie anche il Mutuo Riconoscimento, WHA è il principale ente di certificazione Halal in Turchia (GIMDES) e in molti altri Paesi. Questo ricco puzzle degli accreditamenti e riconoscimenti ci permette di affermare e confermare la globalizzazione e l’impatto positivo, a tutti i livelli, delle certificazioni Halal di World Halal Authority (WHA) in ogni parte del mondo

Continue Reading
Exemple

Gulfood è il più grande evento annuale del settore alimentare e delle bevande e la prima grande fiera internazionale dell’industria alimentare che si tiene ogni anno, da 24 anni, a Dubai presso il Dubai World Trade Center. L’edizione 2019 della fiera è stata la più grande fino ad oggi, attirando più di 100.000 visitatori da oltre 200 Paesi e esplorando gli ultimi prodotti del settore Food&Beverage e l’innovazione in campo alimentare.

Gulfood rappresenta una grande opportunità, per gli operatori del settore, di proporsi al mercato MENA (Middle East and North Africa) accogliendo più di 5mila espositori per prodotti appartenenti a otto settori del mercato primario: bevande; latte; condimenti; salute, benessere e free from; legumi, grani e cereali; carni e pollame; world food e power brand.

Secondo il ministero dell’Economia, la domanda per gli alimenti di prima necessità da parte degli Emirati Arabi Uniti è in aumento di circa il 30% ogni anno. In particolare, le importazioni di Dubai rappresentano circa l’80-90% dei consumi alimentari dell’intera area del Gulf Cooperation Council (GCC). In questo contesto sociale ed economico è chiaro che, per un’azienda alimentare orientata all’esportazione come pure alla qualità,  risulta un requisito fondamentale disporre della certificazione Halal ai fini di sostenere la concorrenza e la continuità nel mercato globale.

La riconoscibilità e la validità, nei diversi Paesi, delle certificazioni rilasciate avviene tramite diversi accreditamenti riconosciuti all’ente di certificazione Halal, ragione per cui un ente di certificazione con un cospicuo numero di accreditamenti fornisce garanzie a favore del valore e del carattere internazionale del Certificato Halal rilasciato.

World Halal Authority (WHA), come unico ente di certificazione Halal con il più alto numero di accreditamenti internazionali in Italia e uno dei pochi con maggior numero di accreditamenti in Europa e al mondo, si impegna annualmente a partecipare al Galfood nel rappresentare pienamente il Made in Italy nel mercato globale Halal. World Halal Authority (WHA) anche quest’anno ha preso parte al Gulfood, una circostanza che ha rappresentato l’occasione per accompagnare e assistere le aziende in questo evento internazionale, avere con loro un reciproco scambio di idee, approfondire punti di vista sul valore della certificazione Halal e trasmettere l’importanza, etica e qualitativa, della certificazione Halal per il consumatore.

Continue Reading
Exemple

Una varietà di colori, di gusti, di forme, di profumi, di sapori, di ricette, tutto questo ed altro: il mondo del cibo.

Si dice che siamo quello che mangiamo e probabilmente è proprio così. Ciò che mangiamo dice tante cose di noi e talvolta, sì, rivela anche ciò in cui abbiamo fede, ciò in cui crediamo. Il prodotto alimentare potrebbe avere qualche ingrediente non propriamente adatto a chi ha la necessità di mangiare Halal. Ebbene, perché non certificarsi con WHA e far sì che il vostro prodotto possa essere idoneo per stare anche sulla tavola di una famiglia che senza la Certificazione Halal riconosciuto non l’avrebbe mai consumato?

Continue reading Perché è importante la certificazione Halal per il settore ALIMENTARE?

Continue Reading
Exemple

Ci facciamo belli per soddisfare un bisogno più grande oltre a quello puramente estetico. Cerchiamo la bellezza per imparare ad accettarci, per piacere a noi stessi, per arrivare ad amarci. Questi bisogni non appartengono in particolare ad alcuna cultura. Sono bisogni umani: toccano ognuno di noi.

Continue reading Perché è importante la certificazione Halal per il settore COSMETICO?

Continue Reading